Giovedì, 24 Ottobre 2019 06:08:00
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image

Ponte o impianto?

ponteoimpiantoSpesso al dentista viene chiesto se per sostituire uno o piu' denti convenga ricorrere alla implantologia od ad un ponte. Premesso che si puo' ricorrere all'implantologia soprattutto quando sussistono condizioni anatomiche favorevoli (senza le quali c'è bisogno di procedure chirurgiche pre-implantari di rigenerazione ossea), entrambe le metodiche hanno pro e contro.
A favore del ponte c'è senz'altro:
- una tempistica di lavoro molto piu' rapida rispetto agli impianti 
- un costo inferiore

Ma occorre sempre ricordare che l'esecuzione di un ponte richiede di intervenire anche sui denti adiacenti al dente mancante. Se questi denti sono indenni, trasformarli in monconi puo' essere una scelta da ponderare bene. Nei casi, invece, nei quali i denti di sostegno sono già compromessi o molto rimaneggiati, monconizzarli ed incorporarli nel ponte puo' costituire un vantaggio, poichè questi elementi vengono "protetti" dal ponte stesso.

Inoltre, bisogna sempre tenere presente che alla salute di uno dei denti monconizzati è legato il destino dell'intero ponte: se uno dei monconi viene perso (ad esempio a causa di un processo carioso che puo' presentarsi anche se il ponte è eseguito a regola d'arte), l'intero lavoro è da rifare.

Ovviamente,  l'approccio implantare è totalmente diverso. Premesso che l'implantologia è la prima opzione quando mancano i sostegni posteriori per un eventuale ponte (eventualità tutt'altro che rara nel settore molare), una peculiarità dell'implantologia risiede nel fatto che sostituzione di un dente perso non coinvolge gli elementi dentari adacenti. Per ogni dente perduto è possibile teoricamente posizionare un impianto singolo. Le tempistiche sono piu' lunghe (quasi sempre si decide di aspettare l'integrazione della vite di titanio nel tessuto osseo) ed il posizionamento degli impianti è nel complesso piu' costoso, sia a causa della fase chirurgica con la quale le viti vengono materialmente inserite nel tessuto osseo, sia per il costo vivo degli impianti.

A parità di condizioni favorevoli, l'implantologia, comunque, si lascia preferire. Si tratta di una tecnica piu' moderna il cui unico vero limite è la preesistenza di una anatomia sfavorevole al posizionalemto delle viti.  Comunque, sarà lo specialista, caso per caso, ad indirizzare il paziente verso la soluzione migliore.

PGT RssScroller - Copyright © 2010 by pagit.eu
Studio Associato Cassero-Falivene - Piazza Bovio 33, Napoli Tel 081 4206346 - Via Pistilli 6, Giffoni Valle Piana (Sa) Tel 089 865865 - Via Caliri 102, Cava de' Tirreni (Sa) Tel 089 462443
Copyright 2011 Studio Associato Cassero-Falivene. Tutti i diritti riservati | Sito ottimizzato per Mozilla Firefox e Safari | Copyright 2011 Studio Dentistico Cassero-Falivene Napoli - Ponte o impianto?. All Rights Reserved.
Joomla theme Webmaster: Fabrizio Cassero